mappa dell'Alto Adige
Settequerce - Rudere Greifenstein (Sauschloss) e82514d657593830d9677f0addbf6f98
Terlano/Settequerce
Escursioni per famiglie
Associazione Turistica Terlano
Piazza Dott. Weiser, 2
39018 Terlano (Italy)
Tel.: +39 0471 257165
E-Mail: info@terlan.info
Homepage: http://www.terlan.info
  Roter Hahn email Settequerce - Rudere Greifenstein (Sauschloss) (e82514d657593830d9677f0addbf6f98)
  Roter Hahn homepage Settequerce - Rudere Greifenstein (Sauschloss) (e82514d657593830d9677f0addbf6f98)
Difficoltà media
Lunghezza percorso 5,945 km
Durata 2 ore 9 min
Dislivello in salita 531 m
Dislivello in discesa 531 m
Altitudine 771 m 254 m
GPX Download
Tecnica
Condizione
Esperienza
Paesaggio
Percorribile

In posizione dominante sopra Settequerce si scorgono le rovine del castello di „Greifenstein“. Nominato per la prima volta nel 1159 fu coinvolto nella lotta fra il conte del Tirolo ed il vescovo di Trento nel 1275/1276 e distrutto. La sua ricostruzione nel 1334 è dovuta ai signorotti di Greifenstein, ma nel 1348 Greifenstein fu ancora distrutto da un incendio. In seguito, ricostruito nel 1363, passò ai signori di Starkenberg. Nel 1420, quando una parte della nobiltà tirolese si oppose al duca Federico d’Austria questo ordinò l’assedio del castello e l’affamamento. Fra i nemici del duca vi fu anche il trovatore Oswald von Wolkenstein. Questo compose agli assediatori un inno alla battaglia, nel quale si burlò di loro. Le forze del duca non riuscirono a conquistare il castello di Greifenstein, ma intanto la lotta della nobiltà e del castellano Wilhelm von Starkenberg aveva perso ogni significato e così lo Starkenberg scomparve uscendo probabilmente dalla crepa a sud ovest del castello. Avuta l’assicurazione del salvacondotto, i 18 servi non resistettero oltre. Ora il castello di Greifenstein è in degrado. Il castello è denominato anche castello del porco, che deriva dalla leggenda dell’assedio durante il quale i diffensori hanno sofferto grande pena e ristrettezza perché le scorte erano tutte esaurite. In cantina era rimasta una sola bestia bella grassa. Uno degli uomini ebbe l’idea di non uccidere il poderoso animale, ma di gettarlo dall’alto con atteggiamento ironico e compiacente ai piedi degli assediatori. Quando questi videro una tale dimostrazione di fiducia, perdettero ogni coraggio, certi che le forze a difesa del castello potessero resistere grazie all’ingente scorta di provviste. Si ritirarono dall’assedio e Greifenstein si salvò. Dal centro di Settequerce si può arrivare a piedi al castello in 1,5 ora ca.

La salita inizia in centro paese; si sale la Via Romedius, passando davanti alla chiesa barocca dell’Ordine Germanico (n. 11/A). Si raggiunge in breve un gruppo di case nel bosco, passate le quali si deve attraversare il greto del torrente e quindi sul lato opposto si sale per un bel sentiero in mezzo a boschi di roverelle fino alle rovine del castello (ca. 1,5 ore). Circa a metà percorso il sentiero incontra quello che sale a destra da S. Cosma e Damiano (n. 11) (tenere bene a mente questo incrocio per quando si scende!). I ruderi di per sé sono raggiungibili solo da scalatori esperti. L’accesso ai ruderi si trova sul lato apposto (nord-ovest). Di lì si può godere di  un bellissimo panorama. Di qui si prosegue per il sentiero, inizialmente in leggera salita, per raggiungere Colonia di sotto, dove si incontra, dopo ca. 15 minuti la locanda “Noafer”.

In conformità con la Direttiva 2009/136 /UE, ti informiamo che questo sito Web utilizza cookie tecnici propri e di terze parti, in modo da consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.
Ulteriori informazioni sui cookie Accetta i cookie