mappa dell'Alto Adige

Highlight

Abbazia di Novacella

L’Abbazia di Novacella: il più grande complesso convenutale del Tirolo

Abbazia di Novacella
L’Abbazia di Novacella pullula ancora di vita e rappresenta una delle attrazioni culturali più importanti della Valle Isarco.
Chi si avvicina all’ex città vescovile di Bressanone da nord o da est, non può fare a meno di notare gli edifici imponenti e sontuosi che insieme formano il complesso conventuale di Novacella. Situata tra i vigneti più settentrionali dell’Alto Adige, l’abbazia conta diverse attività perfettamente autosufficienti. Oggi come ieri, i Canonici Agostiniani vivono principalmente di agricoltura. Accanto alla coltivazione di frutta ed erbe, nella loro cantina si dedicano alla produzione di ottimi vini che possono essere degustati assieme agli altri eccellenti prodotti dell’Abbazia di Novacella. I monaci producono grappe, sciroppo di mela e sambuco e miscele per tisane. Ad accompagnare il tutto ci sono le specialità tipiche del territorio come lo speck, i formaggi, il pane di segale croccante e i salamini affumicati.
Grazie all’altitudine tra 600 e 900 metri, il clima fresco e il terreno ricco di minerali, i bianchi tipici della zona sviluppano un aroma particolarmente intenso. I vini rossi invece vengono coltivati ad Appiano sulla strada del vino, su un terreno appartenente all’Abbazia di Novacella situato più a sud. La tenuta di Novacella è una delle più rinomate della Valle Isarco. Accanto agli eccellenti prodotti, l’abbazia vanta anche un ricco patrimonio culturale. Non per nulla rappresenta uno dei dodici itinerari della Culturonda, una guida interattiva alla scoperta della storia, della cultura e della tradizione altoatesina.
 
Un convento attivo e vivace
Un tempo l’Abbazia di Novacella fu un ospizio che accoglieva viandanti e pellegrini. Fondata nel 1142 dal vescovo brissinese Hartmann, grazie alla sua posizione divenne da subito una tappa d’obbligo per i pellegrini in viaggio verso Roma o la Terra Santa.
Il periodo di massima fioritura fu a cavallo tra il Quattrocento e il Cinquecento. Risalgono a quel periodo, infatti, i magnifici altari della chiesa e il coro tardogotico e fu sempre in quel tempo che l’Abbazia di Novacella assunse il ruolo di centro culturale e scientifico della Valle Isarco. Nella sua scuola si formavano i migliori scienziati, artisti, filosofi e teologi.
Durante le insurrezioni contadine del Cinquecento l’abbazia fu occupata e nel VII secolo fu soggetta a lavori di ampliamento e rinnovo. All’inizio degli anni ’70 dello scorso secolo si inaugurò il convitto e si fondò un centro turistico. Oggi, a oltre 850 anni dalla fondazione dell’abbazia, i Canonici Agostiniani si occupano della cura pastorale in oltre 20 parrocchie. Il convento comprende una propria centrale elettrica e un centro per le attività di formazione con un programma di tutto rispetto.
 
Vivere la cultura, trovare la pace
Lo storico giardino all’entrata del complesso è un luogo di pace. Tre giorni alla settimana apre le porte ai visitatori che possono ammirare la splendida vegetazione e fare il pieno di energia. Qui crescono alberi di Gingko, una sequoia e 75 diversi tipi di erbe come l’iperico, la trigonella, l’erba limone, la salvia ananas e il tabacco. Le aiuole cingono belle fontane, un laghetto con i pesci e una voliera. In autunno, dalle vigne attorno all’Abbazia di Novacella pendono succosi grappoli d’uva. Degna di una visita è anche la luminosa chiesa tardobarocca: con i suoi elementi architettonici in stile gotico, romanico e barocco, fa da suggestiva cornice per cerimonie nunziali. La sua torre campanaria si contraddistingue per la maestosità. Accanto alla chiesa si estende il chiostro con gli archi in stile gotico arricchiti da affreschi di diversi artisti.
Altrettanto sontuosa si mostra la biblioteca dell’Abbazia di Novacella con 92.000 volumi e l’ampio salone in stile roccocò. La pinacoteca storica custodisce manoscritti di grande pregio, tavole gotiche e altari, apparecchiature scientifiche e strumenti antichi. Nel cortile dell’abbazia si trova il Castel Sant’Angelo, un’ex cappella che riprende l’architettura del celebre Mausoleo di Adriano a Roma. All’interno dell’abbazia si trova la cosiddetta fontana delle otto meraviglie raffigurate sul tetto: sono proprio otto in quanto, alle sette meraviglie già conosciute, se ne aggiunge un’ottava, l’Abbazia di Novacella. Per gli appassionati di cultura si consiglia la partecipazione a una delle visite guidate proposte regolarmente.
 
weiterlesen...

Masi nelle vicinanze

Seiserhof
Fam. Kerer
Varna / Neustift
Distanza 715 m
Posizione sulla mappa
App. Schusterbauer
Fam. Leitner
Naz-Sciaves
Distanza 4,4 km
Posizione sulla mappa
Erich Zini
Fam. Zini
Naz-Sciaves / Raas
Distanza 3,5 km
Posizione sulla mappa
Kreuzhof
Fam. Michaeler
Varna / Neustift
Distanza 1,1 km
Posizione sulla mappa
Mayrhof
Fam. Mayr
Bressanone
Distanza 4 km
Posizione sulla mappa
Töllhof
Fam. Tauber
Naz-Sciaves / Rasa
Distanza 3,5 km
Posizione sulla mappa
Obertörgglerhof
Fam. Schanung
Bressanone
Distanza 4,6 km
Posizione sulla mappa
Häuslerhof
Fam. Delazer
Naz-Sciaves / Raas
Distanza 3,5 km
Posizione sulla mappa
Trinnerhof
Fam. Jaist
Naz-Sciaves / Raas
Distanza 4,2 km
Posizione sulla mappa
Martinhof
Fam. Winkler
Varna
Distanza 574 m
Posizione sulla mappa
Moarhof
Fam. Überbacher
Naz-Sciaves / Raas
Distanza 3,6 km
Posizione sulla mappa
Bühlerhof
Fam. Thaler
Naz-Sciaves / Raas
Distanza 3 km
Posizione sulla mappa
Marxenhof - Bioland/Demeter
Fam. Klammer
Bressanone
Distanza 3,4 km
Posizione sulla mappa
Strasserhof
Fam. Baumgartner
Varna / Neustift
Distanza 2,7 km
Posizione sulla mappa
Blaseggerhof
Fam. Gisser
Varna
Distanza 2,2 km
Posizione sulla mappa
Söllhof
Fam. De Monte
Bressanone
Distanza 3,5 km
Posizione sulla mappa
Tschiedererhof
Fam. Jöchler
Varna
Distanza 1,1 km
Posizione sulla mappa
Waldharthof
Fam. Tauber
Naz-Sciaves / Raas
Distanza 3,8 km
Posizione sulla mappa
Ölackererhof
Fam. Gasser
Varna / Neustift
Distanza 779 m
Posizione sulla mappa
Punterhof
Fam. Sigmund
Varna
Distanza 2,7 km
Posizione sulla mappa
Moarhof
Fam. Sigmund
Varna
Distanza 625 m
Posizione sulla mappa
altri masi nelle vicinanze

Altri informazioni

Abbazia Agostiniana di Novacella 20af9cc4695f4883a0dc883767349bbb
Novacella / Varna
Chiese, cappelle, centri religiosi | Musei e mostre
Abbazia Agostiniana di Novacella
via Abbazia 1
39040 Novacella / Varna (Italy)
Tel.: +39 0472 836189
E-Mail: info@kloster-neustift.it
Homepage: http://www.kloster-neustift.it
  Roter Hahn email Abbazia Agostiniana di Novacella (20af9cc4695f4883a0dc883767349bbb)
  Roter Hahn homepage Abbazia Agostiniana di Novacella (20af9cc4695f4883a0dc883767349bbb)
Aperto
Entrata gratis
Orari d'apertura
20.05 - 31.12
10:00 - 17:00
Lun
Mar
Mer
Gio
Ver
Sab
Dom

L’Abbazia dei canonici regolari di Sant’Agostino a Novacella fu fondata nel 1142 dal vescovo di Bressanone Hartmann, divenendo nei secoli uno dei centri spirituali più salienti dell’antico Tirolo. Oggi abbraccia opere di epoche artistiche diverse, fra cui spiccano vere e proprie perle architettoniche come il Castel Sant’Angelo, sito all’ingresso del complesso conventuale, la chiesa barocca e il museo dell’Abbazia, che racchiude dipinti tardomedievali su tavola e splendide testimonianze di arte amanuense come i “manoscritti illuminati”. La biblioteca dell’Abbazia di Novacella è considerata una delle più insigni del territorio germanofono meridionale. Il mulino, le opere idrauliche e la cantina pongono invece in risalto il ruolo economico e produttivo svolto da sempre dall’Abbazia a fianco di quello spirituale. Attorno dell’Abbazia di Novacella si trovano i vigneti più settentrionali dell'Italia che producono famosi vini bianchi, come il Sylvaner, il Müller Thurgau e il Kerner.

Altre informazioni sull’ abbazia di Novacella:

Visita senza guida
da lunedì a sabato dalle ore 10.00 alle ore 17.00

Visita al monastero (con prenotazione)

da lunedì a sabato alle ore 11.00 e 14.30

Visita ai vigneti con degustazione (con prenotazione)
da lunedì a venerdì alle ore 16.00; sabato alle ore 14.30

Giardino storico: All’entrata del complesso dell’Abbazia è situato il giardino storico, riaperto al pubblico nell’estate del 2004 dopo intensi lavori di restauro. Il giardino storico è visitabile autonomamente dal giovedì al sabato dalle ore 10:00 fino alle ore 17:00. senza visita guidata.

L’abbazia di Novacella è chiusa la domenica e durante le festività religiose.

In conformità con la Direttiva 2009/136 /UE, ti informiamo che questo sito Web utilizza cookie tecnici propri e di terze parti, in modo da consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.
Ulteriori informazioni sui cookie Accetta i cookie